Avvio tariffa puntuale dei rifiuti: deliberato! Di cosa parliamo?

Posted by | Maggio 03, 2019 | Note di me | No Comments

Uno degli ultimi atti della giunta uscente di Insieme per Solaro è una delibera di indirizzo per l’introduzione della tariffa puntuale a Solaro. Di cosa si tratta? In estrema sintesi, della possibilità di modulare la TARI (tassa rifiuti) sulla quantità di rifiuto indifferenziato che viene prodotto (quello costoso da smaltire perché non riciclabile!). In sostanza: se produci più rifiuto, paghi di più; se ne produci meno, paghi di meno in virtù del fatto che si presume tu faccia un’ottima differenziata!

L’atto di indirizzo fa proprio uno specifico progetto tecnico-economico che allego qui:

Progetto sistema raccolta differenziata tariffa puntuale.

Il progetto, partendo dalle attuali quantità di rifiuto prodotto per tipologia ed ipotizzando l’utilizzo di bidoncini microchippati per il conferimento dell’indifferenziato, stima l’incremento della raccolta differenziata (che diventa economicamente conveniente per ogni nucleo familiare o unità produttiva!) dal 69,8% attuale (5 anni fa eravamo poco sopra il 60%!) all’85% già dopo un solo anno di applicazione della tariffa puntuale!!! E lavorandoci bene, sono convinto si possa arrivare anche al 90%.

Dati e stime non le ha fatte l’amministrazione comunale, ma sono frutto della bergamasca precisione della Servizi Comunali Spa, la società che con affidamento in house cura a Solaro il servizio di igiene urbana e raccolta rifiuti!

Complessivamente, si può pure abbattere il costo complessivo del servizio di gestione dei rifiuti (risparmio presunto di 30.000€), il che lascia aperte varie possibilità: ad esempio, la diminuzione della tariffa o l’affidamento della gestione TARI alla stessa società, in modo da sfruttare ogni possibile sinergia utile a massimizzare la differenziata (ovvero a minimizzare il rifiuto indifferenziato prodotto).

E se poi qualcuno per non pagare del tutto abbandona in giro il proprio rifiuto indifferenziato??? Non lo può fare! Perchè in sede di applicazione della tariffa verrà definito un numero di conferimento minimo (ossia di svuotamenti del bidoncino) per ogni nucleo familiare (in funzione del numero dei componenti e delle metrature dell’abitazione) e unità produttiva. E tale numero minimo di svuotamenti sarà riparametrato dopo un anno di applicazione.

E i grossi condomini??? Finalmente, ogni nucleo familiare sarà associabile univocamente al proprio bidoncino e si saprà chi conferisce correttamente e chi no, con sanzioni mirate solo per costoro e non più con sanzioni condominiali che colpiscono anche chi segue le regole!

La prossima amministrazione potrà proseguire il percorso oppure sospenderlo, rettificando l’atto di indirizzo.

Nel primo caso, già dall’estate potrà partire la fase implementativa del progetto che in meno di un anno andrà a regime, nel secondo si perderà (secondo me) una grande e concreta opportunità di efficienza, risparmio e cura dell’ambiente.

Andiamo avanti allora, insieme per Solaro!